“Le chiese di Roma raccontano la Storia della Chiesa,
dagli inizi a Giovanni Paolo II”

scatola_grande

Roma Caput Fidei è un'opera di 5 documentari in DVD in cui p. Franco Azzalli OSM già docente di Storia della Chiesa presso la Pontificia Università Urbaniana, oggi Vicario Generale dell’Ordine dei Servi di Maria, partendo da alcune significative chiese di Roma, note e meno note, ci guida nei passaggi più salienti della Storia della Chiesa dai primi tempi fino ai nostri giorni, in una chiave di lettura mai tentata finora.

In ogni documentario, infatti, si coglie, in un ampio respiro artistico, storico e religioso, la continuità della Fede, collegata al luogo fisico ma mai fissata in esso, che diventa di volta in volta esperienza viva e sempre nuova. E' un viaggio lungo venti secoli che dai Primi Tempi, il tempo degli Apostoli, dei martiri, giunge fino ai giorni nostri, a Giovanni Paolo II e al Volto Misericordioso di Dio come si è svelato negli Ultimi Tempi, nell'orrore del secolo appena passato.

SANTA FRANCESCA ROMANA

Medioevo.  Roma XIV secolo.  La Città Santa versa in un declino materiale e spirituale senza precedenti. E' il secolo del trasferimento del papato ad Avignone, delle lotte baronali, delle carestie, della peste, della minaccia degli invasori stranieri ma soprattutto del Grande Scisma d'Occidente: più Papi, legittimamente eletti creano una crisi che rischia di distruggere la Chiesa Cattolica. La popolazione romana, stremata da tutto questo, non arriva a 20.000 abitanti, in una città che ha oramai l'aspetto di un borgo rurale.

In questo tempo nasce Francesca Bussa, la futura Santa Francesca Romana, oggi compatrona di Roma. La docufiction ripercorre la vita di questa straordinaria donna che fu sposa, madre, mistica e taumaturga di grande carattere e amore caritatevole e che con la sua carità ha riportato la Speranza. Una Santa realmente unica che oggi è praticamente sconosciuta perfino nella sua stessa città.

SAN CAMILLO DE LELLIS

Sono iniziate le riprese della nuova docu-fiction interamente prodotta da CRISTIANA Video, sulla vita di San Camillo de Lellis.

L'ospedale è un luogo e un momento particolare. Può diventare realmente un inferno.
La differenza sta, del tutto o quasi, nelle persone che vi lavorano. Lo sa bene chi vi è passato.
E lo scoprì anche Camillo de' Lellis, un soldato di ventura abruzzese, venuto a Roma, nel XVI secolo, per curare una piaga ad un piede che non gli permetteva di entrare in un ordine mendicante come sognava.
Perché Camillo dopo la morte del padre, dopo aver perso tutto, comprese le armi, al gioco delle carte, dopo aver provato l'umiliazione di chiedere l'elemosina davanti le chiese, si ravvede grazie a dei frati cappuccini e decide di cambiare vita. Ma come spesso accade, la vita non segue esattamente i nostri disegni e il ritorno di una vecchia piaga al piede gli impedirà di abbracciare la vita del convento.
Si sarà chiesto perché, perché il suo Dio, a cui voleva dedicare la vita intera, all'ultimo momento sembrava rifiutarlo. E siccome era un tipo testardo Camillo cercherà più volte, appena la piaga gli offrirà segni di miglioramento, di coronare il suo voto. Ma senza riuscirci. E allora c'è l'ospedale degli incurabili di S.Giacomo di Roma (oggi chiuso!) ad attenderlo.

Qualche retroscena sulla docufiction Santa Francesca Romana

Quando ci fu chiesto di realizzare un documentario su Santa Francesca Romana, non avremmo neppure saputo collocarla nella storia, tanta era la nostra ignoranza in proposito. Francesca era sicuramente di Roma, come tradisce l'aggettivo, che poi è divenuto nome esso stesso (il vero nome invece era Francesca Bussa, sposata con un Ponziani), ma nient'altro. I libri che abbiamo iniziato a sfogliare, le biografie scritte dai suoi confessori, tra l'altro veri testi di letteratura perché primi esempi di dialetto romanesco, ci portarono subito alla fine del '300, nel buio del medioevo. E in effetti c'era poco da stare allegri. Ecco la Roma di allora, nella descrizione di Alessandra Bartolomei, docente della Gregoriana, che in Italia si può considerare la maggior studiosa della nostra santa, a cui ci siamo rivolti per un aiuto (ubi maior..): «Se chiudiamo gli occhi e pensiamo a quello che era Roma nel '300, dobbiamo pensare a tanti piccoli insediamenti rurali disseminati a distanza l'uno dall'altro, con orti, pascoli, vigneti. Per esempio a metà del '400 Vespasiano da Bisticci dice che nell'antico Foro Romano, che all'epoca si chiamava il campo Vaccino, ci stavano le pecore e i buoi e le mucche a pascolare indisturbate.» Roma di quest'epoca, con appena 17 mila abitanti, non regge il confronto con il suo glorioso passato, ma neanche con altre città italiane, Firenze, Siena, la stessa Milano. Ma perché tanta decadenza?

S.Pudenziana e le Leggende Romane

dvd_I

Roma, città santa. Perché?
Santa Pudenziana, figlia del senatore Pudente, discepolo dei SS.Pietro e Paolo, secondo la tradizione delle Leggende sui Martiri Romani, fu martirizzata insieme alla sorella Prassede durante le prime persecuzioni.  Il prof.Stefan Heid del PIAC, Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana, ricostruisce la vera origine delle Leggende Romane, collocandole nel difficile contesto storico della Chiesa dei primi secoli. Ma la chiesa dedicata a S.Pudenziana, una delle più antiche di Roma, permette anche, attraverso il contributo di dom Edmund Power abate di S.Paolo f.l.m. e di mons.Romano Penna della Pontificia Università Lateranense, uno dei massimi esperti italiani su S.Paolo, di approfondire la figura dell’Apostolo delle Genti e di quel particolare momento storico che vide il dilagare del messaggio cristiano fra tutti i ceti sociali. Fino al martirio.

Durata 33'10”

S.Gregorio al Celio e la Regola di S.Benedetto

dvd2

Nel II libro dei Dialoghi Papa Gregorio Magno racconta che sul finire del V secolo, tra le macerie dell’Impero Romano, un ragazzo  umbro di nome Benedetto, giunto con la sua nutrice a Roma per proseguire il corso degli studi, fugge via dalla città.  Per tre anni vive dentro una grotta, tra le montagne, alla ricerca di un’esperienza di Fede autentica.
Qui matura un’intuizione che segnerà profondamente il corso della Storia. Intuizione che trova la sua forma compiuta nelle pagine immortali della Regola, il codice in cui S.Benedetto ordina il tempo e lo spazio della vita monastica e che per i successivi secoli influenzerà tutto il Monachesimo occidentale, offrendo il reale significato delle cosiddette radici cristiane dell'Europa.
La chiesa di San Gregorio sul monte Celio, dove Papa Gregorio fondò un monastero, consente, grazie a p.Innocenzo Gargano O.S.B. cam., priore del monastero, di compiere un viaggio alla riscoperta di questo grande santo definito da Papa Gregorio “ripieno dello spirito di tutti i giusti”, viaggio che parte dalla vita quotidiana dei monaci benedettini del Monastero di S.Scolastica a Subiaco, nei luoghi dove l'esperienza di Benedetto ebbe origine.

Durata 28'33”

La Madonna del Pozzo e l’Eresia Catara

La chiesa di S.Maria in Via, a Roma, è considerata una “piccola Lourdes”: i romani, infatti, vengono qui a bere l’acqua del Pozzo della Beata Vergine.
Ripercorrere la storia di questo miracolo consente di compiere un viaggio nella storia della Chiesa del medioevo: le eresie, le crociate e soprattutto la coraggiosa scelta di santi come Domenico di Guzman, Francesco di Assisi, i sette laici fiorentini Servi di Maria, che fondarono gli Ordini Mendicanti del XIII secolo. A guidarci in questo cammino il celebre storico Franco Cardini, una delle massime autorità in storia medioevale, che in una vera lectio magistralis spiega i motivi che portarono uno dei principali di questi movimenti eretici, i Catari, a prendere il sopravvento nell’Europa cristiana.  P.Franco Azzalli O.S.M. e p.Antonio Cocolicchio O.P. ci aiutano ad entrare nel cuore di questi santi che, forti di una devozione mariana che in questi tempi trova il suo apice,  hanno sorretto la Chiesa, come ben raffigurato nel famoso affresco di Giotto sul sogno di Innocenzo III, dipinto nella Basilica superiore di Assisi.

Durata 29'23”

S.Maria del Pianto e Italia Solidale

Nel centro di Roma, nei pressi della Sinagoga, a metà del XVI secolo, la gente del luogo decide la costruzione di un santuario dedicato ad un miracolo a cui ha assistito. Davanti ad un efferato delitto lacrime umane scorrono lungo il viso di una figura di Maria dipinta su un muro. Ma il santuario, nel corso dei successivi quattro secoli, si rivela impossibile da completare. Il mistero intorno alle difficoltà intercorse per la sua realizzazione, e ancor di più sul senso stesso del miracolo, diventa lo spunto per tracciare un quadro della Chiesa del '500 e in particolare della Riforma Cattolica, in una nuova luce. Oggi la chiesa di S.Maria del Pianto è tenuta dagli Oblati di Maria Vergine. Per una singolare coincidenza l’attuale rettore, p.Angelo Benolli OMV, comprese già negli anni sessanta la necessità di superare proprio quella lacerazione tra Fede e Ragione che si andava definendo nel '500, negli stessi anni in cui le lacrime scorrevano sull'affresco. Ha così fondato l’associazione Italia Solidale, per "portare la Scienza alla Fede e la Fede alla Vita", per poter aiutare nel profondo le persone.
Una volontaria di Italia Solidale, Daniela Fortini, racconta poi l'esempio delle missioni in Rwanda, dove questo tipo di lavoro ha portato meravigliosi frutti di pace dopo il terribile genocidio del ‘94.

Durata 26'33”

S.Spirito in Sassia e la Divina Misericordia

Il messaggio della Divina Misericordia, nell'esperienza mistica di santa Faustina Kowalska, è stato legato alla chiesa di Santo Spirito in Sassia da Giovanni Paolo II. Ma una lettura storica, attenta, degli ultimi due secoli permette di inserire questo messaggio in un momento ben preciso del percorso dell’uomo verso la Verità. Don Jozef Bart, rettore della Chiesa, ci accompagna in un viaggio alla scoperta di S.Faustina attraverso una rilettura del suo Diario, viaggio compiuto con la ricostruzione filmica di alcuni dei momenti più significativi della vita della Santa. Fabio Zavattaro, vaticanista RAI,  racconta la sua esperienza personale a fianco di Giovanni Paolo II, come inviato della RAI in tanti viaggi, da cui emerge l'influenza che santa Faustina e soprattutto la Divina Misericordia hanno avuto su questo Grande Papa.

Durata 28'15”

Scopri le novità ed i prodotti di CRISTIANA Video. Tieniti aggiornato. Registrati Ora!

Pensieri

 E’ necessario gettare le reti del Vangelo nel mare della storia per portare gli uomini verso la terra di Dio


Papa Benedetto XVI